TEST

Novembre 16th, 2019 Posted by Mailing 0 thoughts on “TEST”

Questo è il mio nuovo articolo

Il cibo e la cura dell’anima

Novembre 16th, 2019 Posted by Mailing 0 thoughts on “Il cibo e la cura dell’anima”

Avete mai provato la sensazione che un cibo vi aiutasse a ritrovare la pace interiore? O l’energia che pensavate di avere perso nella routine frettolosa? Non c’è bisogno di cioccolato, ma di cibi equilibrati e ricchi di gusto ed energia! Con la naturopata Lucia Sgarbossa andremo ad esplorare questo rapporto tra emozioni, mente e cibo, e sarà l’occasione per mostrarvi ricette e consigli pratici per la vostra cucina. Non aspettatevi però ricette salutiste senza sapore, al contrario: un comfort food a 360 gradi. L’evento è su stretta prenotazione, causa posti limitati, nell’accogliente salotto del Rifugio Urbano, sotto la Mole. Tel 347 0149740 vi aspettiamo!

Il cibo e la cura dell’anima

Novembre 15th, 2019 Posted by Blog, Mailing, News 0 thoughts on “Il cibo e la cura dell’anima”

Avete mai provato la sensazione che un cibo vi aiutasse a ritrovare la pace interiore? O l’energia che pensavate di avere perso nella routine frettolosa? Non c’è bisogno di cioccolato, ma di cibi equilibrati e ricchi di gusto ed energia! Con la naturopata Lucia Sgarbossa andremo ad esplorare questo rapporto tra emozioni, mente e cibo, e sarà l’occasione per mostrarvi ricette e consigli pratici per la vostra cucina. L’evento è su stretta prenotazione, causa posti limitati, nell’accogliente salotto del Rifugio Urbano, sotto la Mole. Tel 347 0149740 vi aspettiamo!

Mousse di castagne con sciroppo di barbabietola dolce e crumble di nocciole

Novembre 11th, 2019 Posted by Blog, Dessert al cucchiaio, Mailing, Ricette 0 thoughts on “Mousse di castagne con sciroppo di barbabietola dolce e crumble di nocciole”

Un dessert “da meditazione” d’autunno, come piace a me: avvolgente, ma non troppo dolce, composto da una mousse morbida e da un croccante per raccogliere lo sciroppo al cardamomo. Un pò lungo da preparare, ma di grande soddisfazione!

Per il croccante:

100 gr di fiocchi d’avena mignon

70 gr di nocciole tostate

40 gr di zucchero di canna

1 cucchiaio di olio di cocco

Procedimento

Mescolare i fiocchi d’avena con l’acqua e lasciare riposare un’oretta. Trascorso questo tempo, mescolarli con le mani in una ciotola con lo zucchero, l’olio di cocco e le nocciole tritate grossolanamente, compattando con le dita l’impasto. Su un foglio di carta antiaderente, schiacciare con le mani uno strato di impasto alto circa 3-5 mm, e metterlo nell’essiccatore a 40°C per circa 18-20 ore, fino a quando si è solidificato ed è diventato ben croccante. In alternativa, metterlo in forno al minimo, controllando spesso che non si bruci, fino a completa essiccazione (può essere utile in certi forni tenere lo sportello leggermente socchiuso).

Per la mousse di castagne

500 gr circa di castagne

100 ml di latte di soia

100 gr di zucchero di canna integrale

½ stecca di vaniglia

Procedimento

Sbucciare le castagne crude e metterle a bollire in una casseruola con acqua e un pizzico di sale per circa mezz’ora. Scolare sotto un getto d’acqua fredda in modo da interrompere la cottura, quindi eliminare pazientemente la pelle con un coltellino. A questo punto, eliminate le castagne “con l’ospite”, quelle nere, e alla fine, avendone mangiato qualcuna per addolcire l’ingrato lavoro, a me ne sono rimaste circa 370 gr. Facendo le debite proporzioni, aggiungere alle castagne spezzate lo zucchero, il latte e la stecca di vaniglia incisa nel senso della lunghezza, e portare a bollore. Dopo un minuto, spegnere il fuoco e far raffreddare, quindi aprire la stecca di vaniglia e spremere tutti i semini neri dolcissimi. Con il frullatore ad immersione, lavorare ancora tiepido, in modo da emulsionare e rendere soffice la crema, come una mousse. Far raffreddare completamente in frigo.

Per lo sciroppo di barbabietola dolce

1 barbabietola cruda

30 gr di zucchero integrale o 2 cucchiai di sciroppo d’agave

3-4 gr di kuzu (gelificante naturale giapponese ricavato da un tubero)

3-4 baccelli di cardamomo

Procedimento

Lavare e sbucciare la barbabietola, quindi tagliarla e spremerne tutto il succo in un estrattore. Ricavatone circa 150 gr di succo, mescolarlo con lo zucchero e il kuzu polverizzato. Aprire i baccelli di cardamomo ed aggiungere i semi al succo; portare a bollore in un tegamino, bollire 2 minuti, quindi filtrare e raffreddare lo sciroppo.

Per servire il dessert:

Prelevare delle piccole quantità di mousse di castagne e formare delle palline con le mani, oppure con la sac a poche creare delle spumette in un piatto. Spezzare il croccante a pezzi da infilzare nella mousse o sbriciolarlo, distribuire lo sciroppo tutto attorno.

LA CUCINA DELLE ESSENZE

Novembre 4th, 2019 Posted by Blog, Mailing, News 0 thoughts on “LA CUCINA DELLE ESSENZE”

WORKSHOP DI CUCINA CREATIVA SUGLI OLI ESSENZIALI

Il primo evento del mese di novembre non è solo per nasi affilati e palati esigenti: imparando a conoscere gli oli essenziali, scopriremo quante possibilità ci siamo persi in cucina fino ad ora! Sostituire una spezia, una bacca o un agrume con il suo olio essenziale, infatti, non solo moltiplica l’intensità dell’aroma, ma apre nuovi orizzonti di gusto. In questa serata, verrà offerto un aperitivo leggermente alcolico per iniziare con il giusto tono, poi proseguiremo con due portate salate (una di ispirazione toscana e una asiatica) per concludere con un dessert “coccola” d’autunno! E ci sarà modo di testare il proprio naso sulle fragranze naturali DoTerra.

Omaggi e dispense inclusi nel prezzo di €60,00, obbligatoria la prenotazione.

Iscrizioni in corso, posti limitati: info@elenacarmilla.eu

Tel: 347 0149 740

Eventi e degustazioni del mese di novembre

Ottobre 24th, 2019 Posted by Blog, Mailing, News 0 thoughts on “Eventi e degustazioni del mese di novembre”

Ho creato nuove sinergie per sperimenare assieme le delizie dell’autunno. Questo è il periodo dell’anno in cui la natura esprime il massimo della crescita prima del riposo autunnale, le verdure e la frutta sono ricchissimi di sostanze e ci preparano ai freddi in arrivo. Ecco due appuntamenti per approfondire le tematiche della cucina e della salute a tavola assieme a due amiche preziose:

Valentina Zaccone ci parlerà degli oli essenziali terapeutici, ed io vi insegnerò come impiegarli in cucina con creatività; sarà un occasione unica per allenare il nostro naso, e magari scoprirete di avere una sensibilità innata per le essenze! L’impiego in abbinamento a preparazioni salate e dolci, e nelle bevande, è sorprendente: esalta note di gusto e palato mai provate. Vedrete che aperitivo!

Lucia Sgarbossa è una Naturopata, Iridologa e Healt Coach di lunga esperienza e ci insegnerà come armonizzare corpo, mente e anima con le nostre abitudini alimentari; le ricette che vi insegnerò in questa occasione saranno come “coccole” e ci faranno sperimenare l’equilibrio dei sensi! Il “comfort food” non è mai stato così benefico!

In entrambe le serate, sarà prevista una parte teorica e la degustazione, ed è richiesta l’iscrizione causa posti limitati. Il costo della singola serata è di € 60,00, non sono previste riduzioni. Per confermare la partecipazione, è necessario un acconto tramite bonifico bancario. Vi aspetto!

Seitan con funghi Shiitake e castagne

Ottobre 21st, 2019 Posted by Blog, Mailing, Ricette, Secondi e proteine 0 thoughts on “Seitan con funghi Shiitake e castagne”
Castagne e funghi: il profumo del bosco in autunno

I funghi shiitake sono i miei preferiti, non solo per il loro sapore persistente e dolce, ma anche per le proprietà benefiche. In questi ultimi anni, infatti, le ricerche biologiche sulle proprietà medicinali di alcune specie fungine hanno fatto molte scoperte: Maitake e Reishi sembra che, oltre a rafforzare il sistema immunitario, contribuiscano a tenere sotto controllo il colesterolo, il Coprinus ha mostrato buoni risultati sull’abbassamento della glicemia, gli Shiitake in Giappone sono considerati un farmaco antitumorale naturale. Non crescendo a terra, ma sui tronchi degli alberi, questi funghi non presentano il rischio di estrarre dall’hummus le sostanze tossiche del suolo. Certamente, non è con un bel piatto di funghi ogni tanto che otteniamo effetti terapeutici, bensì con gli estratti concentrati degli integratori nel dosaggio consigliato, e sempre sotto prescrizione di un medico o naturopata preparato, in modo da evitare effetti indesiderati.

Ho la fortuna di avere conosciuto, non lontano da casa, una coltivatrice di queste prelibatezze, che li coltiva in maniera naturale e biologica su tronchi di quercia, con una procedura delicata e laboriosa. Quando la stagione presenta le condizioni di temperatura e umidità ideali, ne ha una vera e propria esplosione, e nell’abbondanza li posso anche essiccare e conservare. Da secchi si possono utilizzare per risotti, farciture, polpette, zuppe… Freschi io li adoro anche semplicemente passati sulla piastra tipo grill, 5 minuti per lato, e poi conditi solo con tamari e prezzemolo tritato. Ma il seitan con le castagne è la mia ricetta preferita, fatta apposta per riscaldare l’autunno e i primi freddi.

Ingredienti

450 gr di seitan morbido, tipo impastato a mano

400 gr di shiitake freschissimi

12-15 castagne fresche

1 foglia di alloro

½ spicchio d’aglio

Mirin

Tamari

Olio evo

Miso delicato tipo Shiro Miso

Preparazione

Per prima cosa sbucciare le castagne e bollirle in acqua con un pizzico di sale per circa mezzora, fino a quando sono tenere ma ancora sode. Raffreddarle sotto un getto d’acqua fredda, in modo da interrompere la cottura, ed eliminare la pellicina con un coltellino, facendo attenzione a non romperle. Pulire i funghi a secco con un pennellino dalle eventuali tracce di corteccia (questi funghi non crescendo a terra, sono sempre molto puliti, e non devono essere bagnati e lavati) ed affettarli a fette di circa 0,5 cm. In un tegame, intiepidire l’olio con l’aglio e l’alloro, e rosolare a fiamma medio bassa i funghi per qualche minuto, quindi aggiungere un dito d’acqua e ultimare la cottura con coperchio a fiamma bassissima. A metà cottura, eliminare la foglia di alloro.

Sul tagliere, affettare il seitan e passarlo in una padella ben calda girandolo da entrambi i lati fino a quando si sia leggermente brunito sui bordi. Spegnere il fuoco e irrorare velocemente con tamari, mescolando bene. Dopo circa 10 minuti, la cottura dei funghi dovrebbe essere ultimata; aggiungere un po’ di mirin (vino dolce di riso) e un cucchiaio di miso diluito in una tazzina di acqua, far evaporare, quindi unire il seitan e le castagne, mescolare e servire ben caldo.

La vita è fatta di cicli: inizia qui il mio nuovo percorso

Ottobre 17th, 2019 Posted by Mailing, News 0 thoughts on “La vita è fatta di cicli: inizia qui il mio nuovo percorso”

La settimana scorsa ho incontrato per caso un amico che non vedevo da un paio d’anni, e nei saluti, come va come non va, mi è uscito di dirgli: “Io ora mi sto cucinando un bel cambiamento!”. D’altra parte, dicono che i cicli della vita siano di sette anni, e ci siamo! Soddisfatta dell’esperienza settennale della gastronomia, e grata per i meravigliosi incontri e gli insegnamenti professionali che mi ha regalato, volto pagina. Perché ho capito che la mia gastronomia funziona bene se… o meglio: io lavoro meglio se, la mia cucina diventa “dedicata”. Cioè quando lavoro sulla richiesta di qualcuno che per esempio mi dice: “Ho bisogno del tuo aiuto perché domenica ho 20 parenti a pranzo e non so come fare!” oppure: “Ho invitato a cena un gruppo di amici di vecchia data, poi ho scoperto che uno è diventato celiaco, uno vegano e l’altro nemmeno mi ricordo cosa può mangiare. Però voglio preparare qualcosa di buono per tutti per creare l’atmosfera dei vecchi tempi.” Di fronte a queste richieste disarmate, qualcosa mi scatta dentro e la fantasia mi aiuta a creare quella miscellanea di sapori e profumi adatti ad ogni situazione.

Oggi vi presento, dunque, il mio nuovo lavoro da Personal Chef, cuoca a domicilio, e il nuovo sito. Ci ho messo la mia storia, le nuove proposte, il blog, e le prime ricette. Spero vi piaccia e stuzzichi un po’ il vostro appetito. E se qualcuno è bravo con la creazione di siti e si offre di aiutarmi a migliorare il seo, se ne può parlare in cambio di una teglia di lasagne vegan!

Clafoutis vegan di ciliegie

Ottobre 16th, 2019 Posted by Dessert al cucchiaio, Ricette 0 thoughts on “Clafoutis vegan di ciliegie”
direttamente al cucchiaio o… upside down!

Nonostante io sia da sempre contraria all’imitazione dei classici in chiave vegan, pechè solitamente il risultato delude le aspettative, questa crema rappresa al forno esalta il sapore della frutta estiva e non delude il palato!

Ingredienti

250-300 gr ciliegie fresche denocciolate

500 gr latte di soia

80 gr farina di riso impalpabile

60 di zucchero di canna

Una grattugiata di scorza di limone o di zenzero fresco a piacere

Curcuma un pizzico

Un cucchiaino di olio di cocco

Preparazione

Preriscaldare il forno a 160°C. Mescolare la farina di riso e un po’ di latte di soia in una ciotola con la curcuma. In una casseruola scaldare la restante parte di latte con l’olio di cocco e lo zucchero. Una volta denocciolate e spaccate le ciliegie, distribuirle sul fondo di 7-8 pirottini oleati o antiaderenti, lasciandone da parte qualcuna per la superficie. Quando il latte è ben caldo, rovesciare la miscela con farina e mescolare con una spatola fino al primo bollore. Spegnere e trasferire immediatamente la crema nei pirottini, cospargere le altre ciliegie e infornare per 12-15 minuti fino a quando la crema si rapprende. Raffreddare completamente prima di servire o rovesciare.

Crema di pesche alla lavanda

Ottobre 16th, 2019 Posted by Dessert al cucchiaio, Ricette 0 thoughts on “Crema di pesche alla lavanda”
la lavanda nei dessert crea una vera magia

In questa crema ho utilizzato come dolcificante lo xilitolo di betulla, che è una valida alternativa allo zucchero per chi deve tenere sotto controllo la glicemia

Ingredienti

500 ml di latte di soia

1 pesca bianca grande o due piccole “di vigna”, anche le nettarine in alternativa vanno bene

80 gr di xilitolo in polvere (linfa di betulla)

30 gr di amido di mais

2 fiori di lavanda

Preparazione

Mettere in infusione la lavanda in una pallina da tè nel latte caldo per un quarto d’ora.

Sbucciare e frullare le pesche, aggiungere il latte filtrato, lo zucchero e l’amido e lavorare col frullatore ad immersione in modo da emulsionare energicamente. Rimettere la crema sul fuoco e portare al primo bollore: se si desidera montare leggermente la crema e si possiede un mixer potente, frullare ancora qualche secondo. Raffreddare dapprima a temperatura ambiente, quindi trasferire in frigo.

NEWSLETTER

Iscriviti alla mia newsletter per scoprire in anteprima le novità